Giradischi vintage

Un giradischi vintage basa il proprio appeal su un aspetto retrò: il rinnovato interesse in epoca digitale per un oggetto dall’essenza antica come il giradischi, deborda da un perimetro squisitamente tecnico per giungere in campo estetico e perseguire forme e materiali vintage per eccellenza. La passione per le linee retrò ha condotto alla produzione di oggetti davvero accattivanti, belli anche come complementi d’arredo.

Giradischi a valigetta

Un oggetto già di culto è il giradischi a valigetta. La sua caratteristica principale è quella di poter essere trasportato con facilità da un posto all’altro, e se accompagnato da un set di vinili abbastanza ricco permette di organizzare piacevoli serate ovunque ci sia voglia di divertirsi. Ottimo come idea regalo.

Qui trovi alcuni modelli per tutte le tasche.

Giradischi modello vecchia radio

In questa sezione invece trovi meravigliosi modelli che riprendono le linee, le forme ed i colori delle vecchie radio in uso intorno alla metà del secolo scorso. La maggior parte di essi uniscono pure funzionalità assolutamente contemporanee come la possibilità di riprodurre formati digitali originati da supporti usb o cd, o di trasferire su questi stessi supporti le tracce lette dalla puntina del giradischi.

Anche in questo caso, i modelli segnalati vanno incontro alle esigenze diverse di diversi portafogli.

Giradischi modello autoradio

Indovina un po’? l’autoradio che ispira la forma di questi giradischi proviene naturalmente dagli anni ’50 e ’60. Questi modelli sono tutti molto simili tra loro, variando più che altro per colore. Godono di linee morbide e arrotondate.

Ecco per te i modelli più simpatici che Discosauro è riuscito a trovare su Amazon.

Giradischi modello grammofo

Ma il punto più alto per i nostalgici e gli estimatori degli oggetti retrò è senz’altro il giradischi a forma di grammofono. E qui non si tratta più dell’artificio di inserire un dispositivo di lettura in un contesto che gli è estraneo, come una valigetta, oppure affine ma non troppo, come un’autoradio d’epoca od una radio domestica, bensì di riprendere le fattezze originarie del più prossimo antenato del giradischi. Più o meno coerentemente, se pensiamo che, anche in questo caso, alcuni modelli prevedono sistemi di salvataggio delle tracce del disco sotto forma digitale.

Rifatti gli occhi.

Altri giradischi portatili

Di seguito, trovi altri modelli un po’ più particolari rispetto ai giradischi in valigetta del primo paragrafo di questa sezione, sempre acquistabili su Amazon.

Giradischi verticali

Per quanto riguarda il mercato italiano, il giradischi verticale è una novità; non è così per quello statunitense. La particolarità del suo aspetto, che spesso risponde all’esigenza di poter usufruire di spazi ridotti, si unisce alle caratteristiche vintage che normalmente ha questo tipo di apparecchio: materiali dall’aspetto legnoso, evidenza della cinghia di trasmissione, manopole al posto di tasti, possibilità di riprodurre vecchi vinili a 78 giri, rendono il giradischi verticale degno di appartenere alla categoria vintage.

Scopri i più belli.

Giradischi con gambe

Altro oggetto vintage, decisamente più ingombrante, è il giradischi con gambe, pensato proprio per costituire un mobile a sé stante, che non necessita dunque di nessun tipo di mobiletto atto a sorreggerlo (tavolo, scrivania, scaffale o “lack” di Ikea). A maggior ragione, esso può considerarsi un vero e proprio oggetto di arredamento, ma l’acume dei progettisti moderni ha previsto anche la possibilità di smontarne le gambe per posizionarlo alla vecchia maniera, cioè su un supporto fisso, e lo ha fornito di coperchio per poterlo pure trasportare con facilità.

Ecco alcuni modelli.